Roberto Mattia

 

 

 Roberto Mattia Home

 

 

Roma - Michelangelo

   Michelangelo PietÓ

 (Michelangelo di Lodovico Buonarroti Simoni)

L'opera che viene chiamata PietÓ Ŕ esposta nella basilica di San Pietro in Vaticano a Roma Ŕ una delle prime scolpite da Michelangelo a soli 23 anni. ╚ considerata una delle maggiori opere che l'arte occidentale abbia mai prodotto.

I due personaggi sono estremamente levigati, a differenza del basamento, che risulta essere scolpito piuttosto grossolanamente. ╚ in dubbio se abbia lasciato il basamento abbozzato per sua volontÓ oppure no, ma la tesi pi¨ accreditata Ŕ che lo abbia fatto di proposito, per esaltare ancor di pi¨ la divinitÓ del Cristo e della Madonna, e segnare una netta divisione tra umanitÓ (terrena) e divinitÓ.

La struttura Ŕ piramidale, con la veste della Madre che si allarga verso il basamento e le gambe divaricate per meglio armonizzare con essa il corpo orizzontale del Cristo.

L'abito sovrabbondante e il sudario contribuiscono a fornire una solida piattaforma al complesso scultoreo.


La PietÓ Ŕ l'unica opera firmata da Michelangelo in quanto, infastidito dalle voci e dalla credenza popolare che quell'opera fosse di un artista lombardo, decise di firmarla lungo la cintura che tiene la veste.

Il fatto che la Madonna abbia un volto molto giovane ha suscitato non poco scalpore all'epoca, ma Michelangelo lascio intendere il concetto: "La castitÓ, la santitÓ e l'incorruzione preservano la giovinezza". Michelangelo inoltre non vuole rappresentare la scena con lo scopo di narrare un episodio (la morte di Cristo) ma Ŕ principalmente interessato all'aspetto simbolico della totalitÓ: Maria Ŕ rappresentata giovane come quando concepý Cristo, e con il gesto dimostrativo della mano sinistra pare dire al mondo che ci˛ che aveva previsto (la morte di suo figlio) si Ŕ avverato.

Questa scultura deve essere vista frontalmente, se infatti la si osserva di lato si noterÓ che Ŕ schiacciata, compressa, anche solo spostandosi di poco dal centro si perdono particolari (la definizione della muscolatura, i panneggi) importantissimi.


 

 

 

 

 

 

 
© roberto mattia